Giovani senza speranze

Era da molto che non scrivevo qui. 

Mi sento come un fiume in piena e devo scaricare le frustrazioni di una settimana intera.

Ho appena pubblicato un breve post sulla mancanza di lavoro, un argomento che ormai è quasi diventato banale per tutte le volte che lo vediamo tra le righe dei quotidiani o che ne sentiamo parlare nei salotti tv.

Anni fa, nel mio paese, la gente andava a vivere a Napoli. Lì iniziava gli studi universitari con la certezza del posto fisso e con la sicurezza di poter costruire una famiglia. Oggi, tutti lo sanno, non è più così. 

Andiamo all’università per prendere una laurea che probabilmente sarà un di più. Oppure ci servirà. Altrimenti, sarà stata un’esperienza che di sicuro, in un modo o nell’altro. ci avrà fornito qualche tipo di conoscenza. Insomma, tornerà utile prima o poi.

Io, un progetto l’ho sempre avuto, fortunatamente. Mi ritengo quasi miracolato perché, credetemi, il 90% dei miei compagni di liceo o e il 95% di quelli universitari vive giorno per giorno senza sapere cosa fare domani, quando diploma alla mano, sarà finito il tempo dei giochi. “Per il momento mi piglio sta laurea poi, bo, magari un viaggio all’estero per imparare la lingua. O, un master”

Frasi così riempiono le nostre conversazioni ed io mi sento a disagio per loro. Perché io un progetto l’ho creato e costruito sin da quando avevo diciassette anni. Si, è vero, l’ho modificato ma in linea di massima sta lì. Onestamente, non sono pronto ad un piano di scorta. O, meglio, esiste un piano b ma non ho pensato ad un piano c.

Si, perché noi giovani del nuovo millennio dobbiamo avere anche il piano z. Ma come possiamo avere un piano f, se non abbiamo certezze? 

L’inettitudine dell’adolescente medio, è sempre esistita. Così come la spensieratezza dei venti-venticinque anni. In genere, però, dopo quell’età si mette la testa a posto e si pensa al futuro. 

Adesso, la maggior parte di noi, non lo fa. E sapete perché? 
Perché siamo giovani senza speranze.
Attenzione, però: non è che non ce le abbiamo mai avute. Semplicemente ci sono state rubate da un sistema che si è incagliato e non si rialza. Da un governo troppo preso a vedere se Berlusconi è il burattinaio e Renzi la marionetta tutto questo mentre un personaggio urla alle piazze. 

E,nel frattempo, l’Italia va a rotoli e noi giovani perdiamo le nostre speranze…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...