Ti amo da morire, dal gioco nacque una campagna nazionale

Qualche tempo fa lessi un’espressione che mi colpì, si trattava di un insieme di parole che andavano a descrivere una nuova tendenza, ne parlavano perfettamente.

Non ricordo dove ma è incancellabile ciò che pensai quando incrociai la frase abitare la rete. Può sembrare una sciocchezza ma effettivamente noi tutti abitiamo la rete. Si tratta di una comunità che ha una storia, delle tradizioni e delle regole. Chi legge questo post sta visitando il mio blog ovvero casa mia. A pochi clic da qui c’è casa di qualcun’altro.

La cosa buffa è che in giro per la città virtuale si incontrano vicende buffe. Nel fittissimo mondo online possiamo andare a trovare progetti nati per scopi illegali, legali, lucrosi, giocosi e così via.

Stasera, per esempio, io voglio linkare il video che è una conclusione di un progetto e contemporaneamente l’inizio. Si tratta della clip di una canzone scritta da un gruppo di musicisti che hanno deciso di regalare il loro talento a favore di una nobile causa: la lotta contro la violenza di genere e il femminicidio.

Ti amo da morire è una campagna nata quasi per scherzo nella cucina di Pasqualino De Mattia, e che dopo due anni di sacrifici è riuscita a sfondare anche in un congresso nazionale di un partito.

Ora, sono qui a servirmi di casa mia per ospitare questo bellissimo pezzo perché trovo che dare diffusione ad un progetto no-profit come questo sia un dovere civile. Troppo spesso ho letto e sentito storie agghiaccianti di sevizie e violenza. Si tratta di crimini che possono essere combattuti solo con la cultura e aiutare a sensibilizzare oggigiorno è un obbligo per tutti, soprattutto quando si vive nell’epoca in cui postare un file è GRATIS.

Dunque, perché non dovrei farlo?
Perché non dovrei linkare questa canzone?
Anzi, già che ci sono vi rimando anche all’articolo che ho scritto per l’Eco.

Buona visione e buon ascolto:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...