Tommasi: ecco come sono andate le cose a Bologna

Bologna – È un sabato pomeriggio, quello dell’8 novembre, quando Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord è atteso nella città emilana. Salvini va lì per vedere dei campi Rom (o per fare altro. Non è che abbia capito bene, lo ammetto) e quando si trova a circa un km dall’area interessata un gruppo di attivisti circonda la sua auto.

Intimano all’autista di fermarsi. Appoggiano le mani al cofano e le sbattono gridando: «Vergogna! Vattene via! Bologna non ti vuole»!
Naturalmente (come?) l’autista accelera, quasi investendo alcuni manifestanti. Pochi attimi dopo, quindi, il leghista pubblica su Facebook una foto del vetro rotto della sua auto affermando che siano stati i manifestanti. Più tardi, invece, si scoprirà che il politico avrebbe dovuto avvertire le forze dell’ordine che avevano preparato un dispositivo per la sua sicurezza e che egli (o qualcuno del suo staff) non avrebbe comunicato niente.

Vista la gravità del fatto, perché pro o contro Salvini la faccenda è grave lo stesso, ho deciso di parlarne in un articolo che sarà pubblicato nei prossimi giorni da El nuevo fígaro, blog per il quale commento le principali notizie italiane in un pezzo scritto in spagnolo.

Però, in attesa che venga messo online il tutto, vi reindirizzo ad uno scritto di Saverio Tommasi, collaboratore di Fanpage che, dopo essersi trovato sul posto ed aver ripreso tutto, ha deciso di commentare l’accaduto sul suo blog.

Buona lettura e buona visione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...