Così mi lessero a NY

Giorno a tutti,
questa mattina vorrei proporvi una lettura. Un mio pezzo pubblicato per un giornale italo-americano.

Qualche tempo fa, infatti, lessi una raccolta di poesie scritta e curata da un mio ex professore di liceo: Francesco Paolo Tanzj.

Seppi, che il prof stava per andare nella Grande Mela per presentare questo volume e mi venne in mente di scrivere un pezzo. Pensai di poter riassumere quello che per me era il messaggio e ci provai inviando il tutto ad alcuni siti americani.

Non vi nascondo l’entusiasmo soprattutto quando, mi sono visto recapitare un link che mi confermava l’avvenuta pubblicazione.

Ora, per un giornalista locale come me, uscire dalla cronaca, mettere un piede fuori dal tipico pezzo è stato veramente entusiasmante. Non mi travisate: non è che sia brutto scrivere della mia terra ma, giocare con altri schemi aiuta a crescere. La routine non è solo alienante, bensì appiattisce anche lo spirito.

Perciò, vi reindirizzo alla recensione, sperando che vogliate leggerla, commentarla e -perché no- magari anche condividerla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...